Skip to content
Narrow screen resolution Wide screen resolution Auto adjust screen size Increase font size Decrease font size Default font size blue color orange color green color

CNCA - Friuli Venezia Giulia

Home
Gli operatori sociali campani in lotta per poter sopravvivere PDF Stampa E-mail
Servizi sociali al collasso: 33 euro la spesa pro capite contro una media nel Mezzogiorno di 65.

Insostenibili i ritardi nei pagamenti da parte della Pubblica amministrazione

Roma, 14 dicembre 2010 - "Oggi gli operatori sociali campani sono stati costretti, ancora una volta, a scendere in piazza per chiedere di poter sopravvivere. È una vergogna. Le istituzioni non si assumono le loro responsabilità", afferma Lucio Babolin, presidente del Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA). "La nostra Federazione esprime piena solidarietà al comitato ‘Il welfare non è un lusso', che ha organizzato una manifestazione a cui sono intervenuti i rappresentanti di oltre 200 organizzazioni sociali e uno sciopero della fame a cui aderiscono una ventina di operatori sociali. Le condizioni in cui versano associazioni e cooperative sociali a Napoli e nell'intera regione sono impressionanti per lo stesso Mezzogiorno. Basti pensare che la spesa pro capite annua per i servizi sociali in Campania è di soli 33 euro, contro una media nel Sud di 65. In Valle d'Aosta si spende dieci volte tanto. È come vivere in paesi diversi."

"Ma il problema", continua il presidente del CNCA, "non è solo il basso livello degli investimenti per il sociale, ma anche i ritardi nei pagamenti. Il terzo settore vanta un credito di 60 milioni di euro nei confronti del solo Comune di Napoli. I soldi non arrivano, cooperative e associazioni sono costrette a indebitarsi, a ritardare il pagamento degli stipendi, ad abbassare la qualità degli interventi. La Regione Campania ha deliberato il blocco totale dei pagamenti e la Asl Na1 sta facendo chiudere tanti servizi per gli anziani, le persone con problemi psichici, quelle tossicodipendenti. I crediti, poi, non vengono certificati, una mancanza che impedisce alle organizzazioni sociali di farli valere presso le banche. Nessuna garanzia, dunque, né sugli investimenti né sui debiti. E nessuna volontà di dialogo con la società civile organizzata, che è ora costretta a rivolgersi al prefetto affinché si apra un tavolo interistituzionale."

"Siamo molto preoccupati", conclude Babolin, "perché la situazione incredibile di Napoli e della regione Campania rischia di essere solo la punta di un iceberg che dall'anno prossimo potrebbe espandersi a macchia d'olio. I tagli ai bilanci di Regioni ed Enti locali non potranno non scaricarsi anche sui servizi sociali, già oggi insufficienti in buona parte del paese. Una situazione che, con l'aumento inarrestabile della disoccupazione, finirà per mettere a rischio la stessa coesione sociale. Per questo invitiamo le istituzioni nazionali e locali a riflettere bene prima di prendere decisioni improvvide e ingiuste."

Info:
Mariano Bottaccio - Responsabile Ufficio stampa
Coordinamento Nazionale Comunità di Accoglienza (CNCA)
Tel. 06 44230395/44230403 - Cell. 329 2928070
Email: Indirizzo e-mail protetto dal bots spam , deve abilitare Javascript per vederlo - www.cnca.it
 
< Prec.   Pros. >

  Seguici su

Login

Selezionare Login





Password dimenticata?

"Mettiamoci in gioco"
Campagna nazionale

contro i rischi
del gioco d'azzardo

Scarica i documenti qui:

  

 

Cliccando qui potete trovare tutti i testi pubblicati dal 1982 al 2012 messi a disposizione dal CNCA Nazionale in occasione del Trentennale

Trentennale CNCA:

Rompere Recinti

 

30anni-cnca
 
 
il-gusto-di-essere-famiglia